30 Marzo - 2 Aprile
2020
Bologna
Italia
Bologna Licensing trade fair logo

OPERA PRIMA

VINCITORE EDIZIONE 2019

photo

Candlewick Press, Somerville, USA

 

Julian Is a Mermaid

 

Testo e illustrazioni di Jessica Love

 

 

Le motivazioni della giuria:

 

Un bambino, ispirato da incontri reali e da visioni fantastiche, gioca a creare - con una tenda e fronde di piante da appartamento - e indossare un costume da sirena. Sua nonna lo aiuta a perfezionare il travestimento con una collana e i due si recano ad una festosa parata a tema marino. Due generazioni a confronto, il carnevale, il gioco della maschera, la libertà e la festa. La giuria ha apprezzato la maturità del lavoro grafico, dalla copertina ai risguardi, per la qualità della concezione complessiva e del disegno, del ritmo e della capacità narrativa. I ritratti dei personaggi sono dotati di precise sfumature espressive e affettive, le scene sono rappresentate con semplicità ed equilibrio compositivo in tavole realizzate a tecnica mista di acquerelli e tempere. È il lavoro - straordinariamente compiuto - di una nuova artista.

MENZIONI SPECIALI

Bandal, Paju-si, Corea del Sud

 

A shadow

 

Testo e illustrazioni di Chae Seung-yeon

 

Le motivazioni della giuria:

È il tempo del gioco, in spiaggia, il tempo lento e silenzioso della canicola estiva, i giocattoli di legno possono prendere vita e un ombrello può trasformarsi in albero. C’è tenerezza e cura nel gesto infantile, non mostrato ma solo evocato, del proteggere gli animaletti di legno dai raggi del sole. C’è una rarefatta e incantevole invenzione narrativa e figurale che descrive il trascorrere del tempo attraverso il movimento dell’ombra. La leggerezza dei vuoti e il tratto – un’originale figurazione a metà fra disegno realistico ed espressione fumettistica - caratterizzano l’albo, che offre uno sguardo inedito, poetico e illuminante, sul tempo segreto del gioco infantile. 

 

  

photo

Flying Eye Books, Londra, Regno Unito

 

Everest

 

Testo di Sangma Francis, illustrazioni di Lisk Feng

 

Le motivazioni della giuria:

Un’opera graficamente imponente: un libro di immagini ricche di riferimenti stilistici del passato, per l’uso del colore - una palette limitata di colori complementari - dello sfumato e degli effetti di stampa. Al contempo un libro tipograficamente moderno. La geografia, la cultura, la geologia, la storia delle esplorazioni del monte Everest prendono forma in pagine che alternano illustrazioni a tutta pagina e dinamiche composizioni di testo e immagini.