30 Marzo - 2 Aprile
2020
Bologna
Italia
Bologna Licensing trade fair logo

Giuria BOLOGNARAGAZZI DIGITAL AWARD 2020

Buckleitner

Warren Buckleitner

Warren Buckleitner si occupa di media interattivi per bambini e ragazzi dal 1980. È il fondatore della Children’s Technology Review e si è occupato di tecnologie per l’infanzia per il New York Times per oltre dieci anni. Nel 2001 ha creato l’istituto Dust or Magic, un incontro annuale per sviluppatori e ricercatori, con l’intento di diffondere i contenuti migliori nel campo delle tecnologie per l’infanzia. Nello stesso anno, ha fondato la Mediatech Foundation, un centro no profit volto a garantire l’accesso gratuito ad ogni forma di tecnologia. È il coordinatore del BolognaRagazzi Digital Award e del KAPi Awards – una serie di premi conferiti ogni anno dalla Children’s Technology Review. È professore associato all’Università del New Jersey e ha insegnato Design Interattivo delle Telecomunicazioni presso le Università di New York, Rutgers e del Michigan. Ha una Laurea con lode in Scienze della Formazione, un Master in Sviluppo Umano e un Dottorato in Psicologia dello Sviluppo e dell’Educazione. Vive nel New Jersey, è sposato, ha due figlie e ama suonare la tromba. 

Franceschetti

Roberta Franceschetti

Roberta Franceschetti lavora da 15 anni nel mondo della comunicazione e dell'editoria, occupandosi soprattutto di nuovi media. Giornalista e content creator, dopo la laurea in lettere ha conseguito un M.A. al Royal College of Art di Londra e un master in editoria digitale al Politecnico di Milano. Ha lavorato per case editrici e imprese come Giorgio Mondadori, Condé Nast, Franco Maria Ricci, Artefice. Nel 2012 ha fondato, insieme ad Elisa Salamini, il portale Mamamò, che seleziona i migliori contenuti digitali per ragazzi e promuove l’educazione digitale di bambini e famiglie. È co-founder della start up ContentMakers che sviluppa progetti crossmediali per l’universo kids. Vive in riva al mare nel sud Italia, insieme a suo marito, suo figlio Gabriele e due gatti.

Gill

Lucy Gill

Durante l’ideazione della Good App Guide (parte di Fundamentally Children), Lucy Gill ha recensito centinaia di app per bambini e ragazzi, sviluppando un occhio molto acuto per intuire cosa rende un app eccezionale. È stata direttrice di Fundamentally Children fino al 2016 quando ha fondato la Digills Consulting. Sostiene lo sviluppo di prodotti digitali a misura di bambino per McDonalds, LEGO, Preloaded, Scary Beasties e altri. Ha un Master in Ingegneria conseguito all’Università di Cambridge. È anche un’“Ambasciatrice STEM”, un’amante dei libri e madre di due figli. 

Hoskins

Neal Hoskins

Neal Hoskins dirige Wingedchariot, agenzia di collaborancy. A partire dal 2011 ha curato la promozione di incontri ed eventi digitali per la BCBF, contribuendo a sviluppare questo settore della fiera, ora presente anche nell'edizione 2019 della CCBF di Shanghai. La sua attività riguarda progetti speciali, con un portafoglio clienti che comprende l'eredità di Tomi Ungerer, collocando il suo lavoro all'intersezione tra stampa e aspetti digitali in editoria.

Ramada Prieto

Lucas Ramada Prieto

Lucas Ramada Prieto è un ricercatore e studioso di livello internazionale, specializzato nel campo dell'estetica della narrativa digitale per bambini e ragazzi e del rapporto di tale produzione con l'istruzione artistica e letteraria dei più giovani. Si occupa principalmente della formazione di insegnanti, bibliotecari e altri professionisti della cultura, per integrare questa tipologia artistica nelle loro normali attività, oltre a comunicare la propria esperienza attraverso il primo canale Instagram, in Spagna, dedicato a tale argomento: Esto No va de Libros. Ha collaborato con GRETEL, gruppo di ricerca della Universidad Autònoma de Barcelona e ha lavorato con diverse istituzioni di fama internazionale: CERLALC-UNESCO (Colombia), Electronic Literature Organization, Laboratorio Emilia de Formación (Brasile), Centro de Cultura Contemporánea de Barcelona e Secretaría Cultural de Mexico. Vive a Barcellona e gioca decisamente troppo a Streetball.